Statuto

Indice articoli

 

 ART. 17 – I beni 

1 . I  beni dell’associazione sono beni immobili, beni registrati mobili e beni mobili.

2 . I beni immobili ed i beni registrati mobili possono essere acquistati dalla associazione e sono ad essa intestati.

3 . I beni immobili, i beni registrati mobili nonché i beni mobili che sono collocati nella sede della associazione sono elencati nell’inventario, che è depositato presso la sede della associazione e può essere consultato dai soci.

 

ART. 18 – Divieto di distribuzione degli utili 

1 . L’associazione ha il divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili ed avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la propria esistenza, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge.

2 . L’associazione ha l’obbligo di impiegare gli eventuali utili o avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quello ad esse direttamente connesse.

 

ART. 19 – Proventi derivanti da attività marginali 

1 . I proventi derivanti da attività commerciali o produttive marginali sono inseriti in apposita voce del bilancio dell’associazione.

2 . L’Assemblea delibera sulla utilizzazione dei proventi, che deve essere comunque in armonia con le finalità statutarie dell’associazione e con i principi della Legge 266/1991.

 

ART. 20 – Bilancio 

1 . I documenti di bilancio dell’associazione sono annuali e decorrono dal primo gennaio di ogni anno.

2 . Il conto consuntivo contiene tutte le entrate intervenute e le spese sostenute relative all’anno trascorso.

3 . Il bilancio preventivo contiene le previsioni di spesa e di entrata per l’esercizio annuale successivo.

4 . I bilanci sono predisposti dal Consiglio Direttivo e sono approvati dall’Assemblea Ordinaria entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio cui si riferisce il consuntivo.

 

 ART. 21 – Convenzioni 

1 . Le convenzioni tra l’associazione ed altri enti e soggetti sono deliberate dal Consiglio Direttivo, che ne determina anche le modalità di attuazione, e sono stipulate dal Presidente della associazione, quale suo legale rappresentante.

2 . Copia di ogni convenzione è custodita, a cura del Presidente, presso la sede dell’associazione.

  

ART. 22 – Dipendenti e collaboratori 

1 . L’associazione può assumere dei dipendenti e giovarsi dell’opera di collaboratori autonomi nei limiti previsti dalla Legge 266/1991.

2 . I rapporti tra l’associazione ed i dipendenti e collaboratori sono disciplinati dalla legge e da apposito regolamento adottato dall’associazione.

3 . I dipendenti e i collaboratori sono assicurati contro le malattie, gli infortuni e per la responsabilità civile verso i terzi ai sensi di legge e di regolamento.

 

 ART. 23 – Responsabilità ed assicurazione dei soci 

1 . I soci sono assicurati contro le malattie, gli infortuni e per la responsabilità civile verso i terzi ai sensi dell’art. 4 della Legge 266/1991.

 

 ART. 24 – Responsabilità dell’associazione 

1 . L’associazione risponde con le proprie risorse economiche dei danni causati per l’inosservanza delle convenzioni dell’associazione stessa.

 

 ART. 25 – Assicurazione dell’associazione 

1 . L’associazione può assicurarsi per i danni derivanti da responsabilità contrattuale ed extra contrattuale dell’associazione stessa.

 

 ART. 26 – Scioglimento e devoluzione del patrimonio 

1 . Lo scioglimento è deliberato dall’Assemblea Straordinaria con il voto favorevole di almeno i tre quarti dei soci.

2 . In caso di scioglimento o cessazione dell’associazione, i beni, dopo la liquidazione, saranno devoluti ad altre associazioni di volontariato o enti non lucrativi socialmente utili aventi scopi

  analoghi a quelli indicati nel presente statuto e comunque al perseguimento di finalità di pubblica utilità sociale.

 

 ART. 27 – Disposizioni finali 

1 . Per quanto non previsto dal presente statuto si fa riferimento alle normative vigenti in materia ed ai principi generali dell’ordinamento giuridico.